“I VACCINI VANNO RITIRATI! ABBIAMO SCOPERTO CHE MANCANO PRESUPPOSTI PER COMMERCIARLI” ▷ Avv. HOLZEISEN

Prende il largo l’azione promossa da un gruppo di avvocati che ha presentato alla Corte Europea 53 pagine di #ricorso contro le autorizzazioni ai #vaccini anti #Covid. Una manovra legale che se arrivasse al successo avrebbe una portata gigantesca sullo stato dell’arte, porterebbe a una rilettura generale dell’evoluzione dell’#emergenza come la conosciamo oggi. Il team di legali chiede alle autorità, anche quelle italiane che tra #Governo e #Parlamento hanno posto la loro firma su alcuni atti, di ritirare dal #mercato le sostanze prodotte in nome del contrasto al Covid.

Alla base dei contenziosi che lo stesso gruppo si appresta a portare anche dinanzi i tribunali in Italia ci sarebbe un “difetto clamoroso”, come lo ha chiamato l’avvocato Renate #Holzeisen ospite in diretta di Fabio #Duranti. “Queste sostanze sperimentali – spiega la bolzanina – sono state autorizzate non seguendo la procedura prevista dalla direttiva 83 del 2001. Ma è stato adottato il regolamento 507 del 2006 come se si trattasse di veri e propri vaccini”. Si arriva così a una “clamorosa disapplicazione della normativa”. Ecco la spiegazione dell’Avv. #RenateHolzeisen a Un Giorno Speciale, con Francesco Vergovich.

[Alternative Video Source: https://liberantes.org/videos/abcd0034.mp4]